"Road to quality": obiettivo produzioni di qualità

Pubblicato il 17 settembre 2013 in: gruppo orto wic

Road to quality, la strada per la qualità: questo l'obiettivo che si sono date le aziende sementiere aderenti al progetto Road to quality vede la partecipazione di diverse aziende vivaistiche anch'esse operanti nel settore orticolo professionale, con le quali sin dall'inizio è stato condiviso l'intero percorso che ha condotto alla definizione dell’attuale testo del disciplinare.

Si tratta di un progetto che si rivolge a tutti gli operatori della filiera orticola professionale. Infatti, anche se per il momento interessa direttamente solo ditte sementiere e aziende vivaistiche, mira al coinvolgimento di tutti gli altri operatori della filiera: produttori agricoli, industrie di trasformazione e distributori. 

L'elemento portante del progetto è la tracciabilità dei materiali impiegati nel processo produttivo: solo avendo certezza dei mezzi utilizzati - sementi e piantine - e solo “tracciandone” il cammino lungo la filiera, è possibile fornire prodotti sani, di qualità garantita e dalle prestazioni produttive molto elevate.

Per una maggiore tutela degli utilizzatori e dei consumatori, il progetto sarà certificato ufficialmente da Organismi terzi accreditati, sulla base della norma di riferimento UNI EN ISO 22005:2008 per la tracciabilità delle filiere produttive.

Uno specifico marchio d'impresa collettivo, regolarmente registrato a livello comunitario, identifica il progetto. Il suo uso sarà concesso solo alle strutture che aderiranno all’iniziativa.

Articoli correlati

Link utili

Specie ortive e ornamentali
Position papers di ESA

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

L’Unione europea blocca le nuove tecniche di innovazione vegetale. Un duro colpo per l’agricoltura con inevitabili gravi conseguenze

Pubblicato il 26 luglio 2018 in: biotecnologiericerca e costituzione varietà  vegetaliproduzione e commercio sementi

La sentenza della Corte di Giustizia europea nega a ricercatori e agricoltori l’accesso alle New Breeding Techniques e non tiene conto del parere dell’Avvocatura generale. Il Presidente Giuseppe Carli: così si abbatte la competitività dell’agricoltura italiana ed europea