Diamo voce alle sementi, non rinunciamo all'innovazione varietale

Pubblicato il 20 maggio 2015 in: ricerca e costituzione varietà  vegetalibiodiversità risorse genetiche

Disponibile la versione italiana di "speak up for seed!", la position paper del settore sementiero europeo sul ruolo della ricerca e delle sementi in agricoltura

"DIAMO VOCE ALLE SEMENTI"

questo è il titolo scelto da Assosementi per il manifesto realizzato da ESA - European Seed Association, l'organizzazione che rappresenta le aziende sementiere di tutta Europa.

La brochure è stata presentata ufficialmente il 22 gennaio 2015 a Bruxelles, con il coinvolgimento dell'europarlamentare svedese Maurit Paulsen, relatrice del rapporto della Commissione agricoltura del Parlamento europeo sulla selezione vegetale e sulle opzioni a disposizione per incrementare la qualità e la capacità produttiva delle colture, e del Commissario all'agricoltura, Phil Hogan.

"Diamo voce alle sementi" si inserisce nell'ambito della campagna di comunicazione e di sensibilizzazione promossa da ESA a livello europeo sul ruolo cruciale della ricerca vegetale e della costituzione varietale per fare fronte alle grandi sfide della sicurezza alimentare, dell'agricoltura sostenibile, dei cambiamenti climatici e delle nuove domande legate a stili di vita diversi e più salutari.

 

La versione in italiano della brochure è stata curata da Assosementi.

Articoli correlati

Link utili

Biodiversità 
Position papers di ESA

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

Biodiversità
Position papers di ESA

Miglioramento genetico e innovazione
Position papers di ESA

Database ESA
Brevetti industriali vegetali

Gazzetta Ufficiale Italiana

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

L’Unione europea blocca le nuove tecniche di innovazione vegetale. Un duro colpo per l’agricoltura con inevitabili gravi conseguenze

Pubblicato il 26 luglio 2018 in: biotecnologiericerca e costituzione varietà  vegetaliproduzione e commercio sementi

La sentenza della Corte di Giustizia europea nega a ricercatori e agricoltori l’accesso alle New Breeding Techniques e non tiene conto del parere dell’Avvocatura generale. Il Presidente Giuseppe Carli: così si abbatte la competitività dell’agricoltura italiana ed europea