Assosementi: firmato protocollo di intesa con le associazioni di apicoltori per valorizzare le colture sementiere e tutelare il patrimonio apistico

Pubblicato il 27 gennaio 2017 in: produzione e commercio sementi

È stato siglato oggi a Cesena il “Protocollo d’intesa per l’applicazione delle buone pratiche agricole e la salvaguardia del patrimonio apistico”, sottoscritto da Assosementi, assieme al Consorzio delle Organizzazioni di Agricoltori Moltiplicatori di Sementi (COAMS), dalle Associazioni degli apicoltori della Regione Emilia-Romagna e dall’Unione Nazionale Imprese di Meccanizzazione (UNIMA). Il documento, teso a condividere una strategia comune per la tutela delle attività apistica e sementiera, è stato firmato dai rappresentanti delle suddette Organizzazioni, dinanzi all’Assessore regionale all’agricoltura, Simona Caselli.

“Il Protocollo di intesa tra apicoltori, moltiplicatori, sementieri e contoterzisti è il risultato di un processo partecipativo tra le Organizzazioni produttive, sotto l’egida del Servizio fitosanitario della Regione Emilia-Romagna. L’obiettivo è di salvaguardare il patrimonio dei pronubi e la biodiversità vantata dal nostro Paese, ha dichiarato Giuseppe Carli. Una delle prime iniziative sarà di istituire un tavolo di lavoro al fine di condividere le problematiche dei settori e individuare le migliori soluzioni per la corretta difesa delle coltivazioni sementiere, garantendo nel contempo la salute delle api e quindi dell’ambiente. Grazie a tale intesa che ha visto la piena collaborazione di tutte la parti coinvolte, verrà promossa la realizzazione di strumenti informativi e di momenti formativi per gli operatori, al fine di accrescere la conoscenza delle tecniche produttive e delle normative in vigore, sapendo di poter contare sul coordinamento e sulla collaborazione del Servizio Fitosanitario Regionale dell’Emilia Romagna”.

“L’accordo siglato oggi traccia un percorso virtuoso di condivisione delle problematiche sementiere e dell’apicoltura nell’ottica di salvaguardare entrambi i settori, ha aggiunto Carli. L’attività di produzione delle sementi, su cui il nostro Paese vanta un primato, non può prescindere dalle api che svolgono un ruolo fondamentale per la tutela della biodiversità e forniscono un’imprescindibile supporto alle produzioni sementiere attraverso l’impollinazione”.

Una recente relazione della Commissione europea vede il nostro Paese tra i 6 maggiori produttori di miele in Europa, avendo superato le 23.000 tonnellate nel 2015.  “L’attività apistica nazionale è un patrimonio importante del nostro Paese che occorre tutelare e il Protocollo va nella direzione della sua salvaguardia. Auspichiamo in futuro di estendere la portata dell’iniziativa a livello nazionale, ampliando la collaborazione e il dialogo tra tutti i portatori di interesse. Ringraziamo la Regione Emilia-Romagna e il Servizio fitosanitario per il supporto che hanno saputo garantirci e che testimonia l’attenzione della Regione su queste tematiche e sul settore agricolo in generale” ha concluso Carli. 

Articoli correlati

Link utili

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

Assosementi, Carli: i nuovi metodi di miglioramento genetico vegetale sono un'occasione storica da non perdere per restituire all'Italia un ruolo di leadership nella ricerca e nella produzione sementiera

Pubblicato il 27 aprile 2017 in: biotecnologiericerca e costituzione varietà  vegetaliAssosementi

La post-verità ostacola l’innovazione e rischia di ingenerare un fenomeno di iper-regolamentazione. A Bologna l’Assemblea generale dell’associazione di un settore che genera ogni anno 700 milioni di euro di fatturato

Assosementi: prosegue il boom della soia, ma il seme non certificato resta una minaccia

Pubblicato il 19 aprile 2017 in: contraffazioneseme aziendalequalità delle sementiricerca e costituzione varietà  vegetalisezione colture industrialiproduzione e commercio sementi

In Italia le superfici destinate alla moltiplicazione della soia sono raddoppiate in 4 anni, ma cresce anche il fenomeno della riproduzione del seme aziendale. Assosementi lancia una campagna informativa destinata a tutti gli attori della filiera produttiva.