comunicato stampa

AIS: solidarietà a Syngenta Seeds, per l'atto ecoterroristico allo stabilimento sementiero

Pubblicato il 6 aprile 2004 in: biotecnologie

AIS, l’Associazione italiana sementi, esprime la più totale solidarietà all’azienda Syngenta Seeds, il cui stabilimento di Casalmorano (Cremona) ha subito nei giorni scorsi un atto vandalico di chiara matrice ecoterrorisatica che ha provocato ingenti danni all’impianto per la lavorazione delle sementi ed alle attrezzature agricole.

“Voglio manifestare la grande preoccupazione di AIS di fronte a questi fatti di gravissima intolleranza” – commenta il Presidente Bruna Saviotti – “temo infatti che l'obiettivo finisca con l'essere non tanto quello di colpire l’impegno di una singola azienda nel campo delle biotecnologie, quanto il lavoro realizzato nel suo complesso da tutte le aziende sementiere per la ricerca, l'innovazione ed il progresso varietale”.

Non è la prima volta che aziende sementiere che operano in Italia sono vittime di atti dolosi simili. Da inizio 2004 è già il secondo caso. “Mi auguro che le Autorità agiscano con rigore e decisione per individuare e perseguire i responsabili, per restituire a tutte le aziende la necessaria tranquillità.” - aggiunge il Presidente AIS, Saviotti – “Occorre tuttavia che altrettanto rigore venga dimostrato da tutti, affrontando il dibattito in corso sul tema delle biotecnologie con grande razionalità ed obiettività”.

Articoli correlati

Link utili

Gazzetta Ufficiale Italiana

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna