comunicato stampa

Semine 2004 ed ogm: dai sementieri le stesse garanzie per tutti gli agricoltori. Incontro di Cia, Confagricoltura e Copagri Emilia-Romagna con l'AIS

Pubblicato il 2 aprile 2004 in: presenza accidentale ogmcoesistenza ogm convenzionale bio

Garanzia a tutti gli agricoltori, a prescindere dalla loro appartenenza sindacale, sulla conformità delle sementi di mais e di soia in distribuzione ai requisiti di qualità previsti nel decreto 27 novembre 2003 del Ministero delle politiche agricole.

E’ questo che le ditte sementiere aderenti all’Associazione Italiana Sementi hanno assicurato alle Federazioni di Cia, Confagricoltura e Copagri dell’Emilia-Romagna nell’ambito di un incontro organizzato dal mondo agricolo per fare il punto, in vista delle prossime semine primaverili di mais e di soia, sui controlli a cui sono state sottoposte tutte le sementi per accertare la presenza di ogm.

L’AIS, nel rassicurare i rappresentanti regionali degli agricoltori, ha ritenuto corretto e trasparente evidenziare che nessun tipo di controllo, così come nessuna certificazione di qualità è in grado, purtroppo, di garantire l’assoluta assenza di tracce anche minime di ogm e quindi la cosiddetta tolleranza zero. L’impiego di sementi certificate, le quali per legge debbono riportare su ogni confezione l’indicazione del lotto di appartenenza permette comunque, hanno sottolineato le ditte aderenti all’AIS, di individuare la provenienza del seme e quindi assicurare quella rintracciabilità di produzione richiesta dalla filiera.

L’AIS e le Federazioni dell’Emilia-Romagna di Cia, Confagricoltura e Copagri hanno inoltre ritenuto opportuno, in relazione alle discussioni che si stanno svolgendo a livello comunitario e nazionale sul tema delle produzioni ogm ed alla necessità di norme nazionali e/o regionali di applicazione, avviare un confronto sia per approfondire le raccomandazioni della Commissione CE del luglio 2003 in materia di coesistenza fra le diverse colture, sia per esaminare congiuntamente il tema più generale sulla sicurezza e qualità delle produzioni proteiche.

Articoli correlati

Link utili

Gazzetta Ufficiale Italiana

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna