comunicato stampa

Controlli ogm semine 2004: per evitare problemi agli agricoltori, l'AIS chiede un controllo a tappeto su tutte le sementi.

Pubblicato il 23 ottobre 2003 in: presenza accidentale ogm

Per fornire all’intera filiera le assicurazioni che tutti gli operatori si attendono, non è sufficiente un controllo a sondaggio come in passato. Occorre che il Ministero e le Regioni controllino tutte le sementi di mais e di soia che vengono messe in commercio”. Così si è espressa Bruna Saviotti, Presidente di AIS, l’Associazione italiana sementi, in occasione dell’incontro con cui oggi il Ministero delle politiche agricole ha avviato un giro di consultazioni per giungere all’emanazione della nuova circolare per i controlli ogm in vista delle prossime semine.

Per evitare i problemi emersi con le ultime semine è poi assolutamente necessario – ha sottolineato Saviotti – che i controlli vengano completati entro l’inizio delle semine. E’ irrazionale e quanto mai penalizzante non solo per i produttori agricoli, ma per l’intero sistema produttivo, pensare che eventuali interventi cautelativi possano venire adottati quando il seme è già stato seminato”.

Le aziende sementiere sono disponibili a fornire tutta la loro collaborazione. A tale fine sono pronte ad assumere l’impegno di non immettere in distribuzione le sementi non controllate, prima del 20 gennaio 2004, termine utile per assicurare una sufficiente distribuzione delle sementi per le prossime semine” – ha aggiunto Saviotti – “Il Ministero, in coordinamento con le Regioni, deve però avviare con sollecitudine un piano di campionamento e di controllo, cominciando dalle sementi già presenti nei magazzini delle aziende”.

Articoli correlati

Link utili

Gazzetta Ufficiale Italiana

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna