comunicato stampa

Lettera aperta di AIS al Ministro Alemanno: "Più realismo e coerenza su sementi e presenza accidentale di OGM"

Pubblicato il 18 marzo 2003 in: presenza accidentale ogm

Dopo la circolare del dicembre scorso che indica una irrealistica “tolleranza zero” per la presenza accidentale di ogm nelle sementi tradizionali, il Ministero ha assunto alcune iniziative che creano ulteriore confusione sul mercato.

In tema di presenza accidentale di semi GM in lotti convenzionali, in attesa di una specifica normativa europea, il Ministero delle Politiche agricole e forestali ha assunto alcune iniziative quanto meno discutibili. Ad esempio, ha avviato una ricerca di sementi “ogm-free” all’estero ed ha diffuso senza un attento controllo varietale elenchi di aziende la cui offerta non ha subìto particolari controlli preventivi. Ecco perché abbiamo deciso di inviargli una lettera aperta”.

Bruna Saviotti, Presidente dell’Associazione Italiana Sementi, commenta così la lettera aperta inviata al Ministro Alemanno nella quale l’AIS evidenzia la contraddittorietà della condotta del Ministero. “Dopo aver indicato una ‘tolleranza zero’ per la presenza accidentale di semi GM in lotti convenzionali – oggi impraticabile nella realtà, come riconosciuto da qualsiasi esperto a livello mondiale – il Ministero ha preso iniziative che esulano dal suo ruolo ”, ha sottolineato Saviotti.

Con queste azioni si corre il rischio di delegittimare un comparto che tanti contributi ha dato e vuole dare allo sviluppo dell’agricoltura nazionale – ha ribadito Saviotti – e si creano spazi per speculazioni e irrazionalità. Mi auguro che il Ministero, finalmente, voglia affrontare i temi della presenza accidentale di semi ogm e delle soglie di tolleranza con pragmatismo e responsabilità, esattamente come stanno facendo i nostri partner europei”.

Articoli correlati

Link utili

Gazzetta Ufficiale Italiana

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna