comunicato stampa

ASSOSEMENTI: a rischio la tracciabilità  delle produzioni agroalimentari

Pubblicato il 8 febbraio 2013 in: attività ensequalità delle sementi

Alla vigilia delle semine primaverili perdurano le incertezze sull’organizzazione della certificazione delle sementi, primo anello della filiera agroalimentare. Si attendono ancora i decreti attuativi del Ministro Catania, anche dopo il passaggio dell’ex ENSE al CRA.

"È concreto il rischio che si ripresentino ritardi e disguidi nella certificazione ufficiale delle sementi, dopo i problemi dello scorso autunno, in vista delle nuove semine in Italia”. Per Paolo Marchesini, Presidente di Assosementi, l’associazione che rappresenta a livello nazionale l’industria sementiera “il vuoto normativo lasciato dal Ministero dell’Agricoltura in questo settore mette seriamente a repentaglio la tracciabilità e il controllo delle produzioni agroalimentari”.

“I consumatori purtroppo ignorano che il seme certificato è il primo anello della filiera agroalimentare ed è il fulcro di un sistema produttivo orientato alla qualità, che viene garantita dall’alta germinabilità e dalla sanità del seme e dalla tracciabilità del raccolto. Chiediamo che il Ministro dell’Agricoltura emani con la massima urgenza i previsti decreti attuativi con cui si chiariscano le procedure e le responsabilità del CRA (il Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura) nella certificazione di qualità delle sementi”, ha concluso Marchesini.

È da oltre 6 mesi che il settore sementiero attende i decreti attuativi del Ministero in materia di certificazione di qualità. Dopo la soppressione nel 2010 dell’ENSE (Ente Nazionale Sementi Elette), confluito dapprima nell’INRAN, abolito a sua volta l’estate scorsa nell’ambito della spending review, la certificazione delle sementi è stata attribuita con la legge 228 del 24 dicembre 2012 al CRA, senza tuttavia averne delineato un preciso assetto operativo.

Per legge e fatta eccezione per il settore delle orticole, tutte le sementi commercializzate delle colture agrarie più importanti devono essere ufficialmente certificate. La vendita, l’acquisto e lo scambio di sementi non certificate è illegale, così come sono passibili di azioni legali il commercio, la coltivazione e l’utilizzo non autorizzato di sementi tutelate da privativa varietale.

La difficoltà ad immettere sul mercato sementi certificate può portare a danneggiare la tracciabilità delle produzioni e il controllo della filiera con importanti danni economici che dagli agricoltori e dalle stesse aziende sementiere possono estendersi al sistema distributivo dei mezzi tecnici e dell’industria alimentare.

Articoli correlati

Link utili

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna