comunicato stampa

ASSOSEMENTI: in dieci anni cresciute dell'85% le superfici destinate alla moltiplicazione delle sementi da orto.

Pubblicato il 27 marzo 2013 in: produzione e commercio sementi

Quasi 19 mila gli ettari in produzione nel 2012. Emilia-Romagna, Marche e Puglia storicamente le regioni leader del settore. Giappone, Estremo Oriente e Nord-est Europa i principali mercati di destinazione.

Sono stati oltre 18.800 gli ettari destinati alla moltiplicazione di sementi orticole nel 2012. È quanto emerge dall’indagine di ASSOSEMENTI, l’associazione che riunisce l’industria sementiera in Italia. La ricerca, realizzata con cadenza biennale, conferma il trend positivo del comparto orticolo in Italia. All’inizio degli anni 2000 le superfici in produzione erano di poco superiori ai 10 mila ettari. In Italia la moltiplicazione delle sementi da orto copre il 10% dell’intera superficie destinata alla produzione di sementi agrarie e da orto.

“Il settore è in salute, in dieci anni le superfici destinate alla moltiplicazione delle sementi da orto sono cresciute dell’85%” ha commentato Roberto Romagnoli, Presidente della Sezione ortive di ASSOSEMENTI. “Siamo certi che l’intesa nazionale di filiera per il settore sementiero siglata con il Ministero dell’Agricoltura lo scorso 14 marzo sarà positiva anche per il comparto delle orticole, rilanciando ancora di più i temi della tracciabilità e della qualità delle sementi”.

Tra le prime colture orticole da seme, si confermano la cipolla con 2.400 ettari (+11% rispetto al 2010), seguita da ravanello, pisello e cicoria, con più di mille ettari ciascuna. Tra le colture aromatiche svetta come sempre il coriandolo con oltre 4.700 ettari in moltiplicazione. Rimarchevole l’incremento delle superfici di cicoria, più che raddoppiate rispetto al 2010, passando da 670 a 1.200 ettari.

A livello di distribuzione territoriale, Emilia-Romagna e Marche continuano a guidare il settore rispettivamente con 8.200 e 7.000 ettari in moltiplicazione. In particolare le Marche in 8 anni hanno visto crescere le superfici di 2,6 volte. La Puglia, con oltre 2.500 ettari occupa il terzo posto nella classifica tra le regioni triplicando le proprie superfici in dieci anni. A seguire Umbria, Molise e Piemonte, quest’ultima con un incremento del 28% rispetto al 2010.

Secondo ASSOSEMENTIil fatturato della moltiplicazione delle sementi da orto, sia ibride che a libera impollinazione, deriva prevalentemente da moltiplicazioni realizzate su commissione per aziende estere. Fra le principali mercati di tali moltiplicazioni per conto terzi, il Giappone e l’Estremo Oriente, i paesi del Nord e dell’Est Europa. Importante anche la quota destinata al nostro mercato interno.

Infine una curiosità: rucola e basilico, tra le aromatiche simbolo del made in Italy, occupano rispettivamente 560 e 120 ettari. Entrambe queste produzioni sementiere sono concentrate in Emilia-Romagna.

Articoli correlati

Link utili

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

Seme aziendale e "selezione mobile"

Pubblicato il 28 agosto 2019 in: legge sementiera nazionale licenza sementieraproduzione e commercio sementi

Con Decreto del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo del 3 agosto 2018 l’Italia si è dotata di una specifica regolamentazione che disciplina l’attività di selezione e pulizia di granella presso il domicilio dell’agricoltore, al solo scopo di consentirgli di poterla reimpiegare nella propria azienda. Scarica il volantino e scopri cosa prevede il DM 3 agosto 2018.