comunicato stampa

ASSOSEMENTI: la cultura della proprietà  intellettuale è il primo passo per salvaguardare il futuro della ricerca varietale

Pubblicato il 30 maggio 2013 in: privativa comunitaria

In occasione del seminario “Protezione delle nuove varietà vegetali” organizzato dall’Ufficio comunitario delle varietà vegetali (CPVO) e tenutosi oggi a Roma, Assosementi ha ribadito la necessità di rafforzare e rendere pienamente applicabili le norme sulla proprietà intellettuale delle varietà vegetali. L’obiettivo è creare un circolo virtuoso capace di garantire risorse a favore di ricerca e innovazione, salvaguardando l'attività futura dei breeders vegetali messa oggi a rischio anche da crescenti fenomeni di illegalità ed assicurando competitività all’intero sistema produttivo.

“Regolare in modo equilibrato e trasparente il rapporto tra gli attori della filiera agroalimentare, a partire da agricoltori e aziende sementiere, è il punto di partenza per avere un sistema sementiero economicamente sano ed efficiente – ha dichiarato Paolo Marchesini, Presidente di Assosementi. È necessario dunque che venga introdotto l'obbligo per gli agricoltori di dichiarare l’impiego come seme di granella aziendale ottenuta da varietà tutelate e assicurare la possibilità ai costitutori di ricevere una equa remunerazione sul reimpiego di tale granella, introducendo anche a livello nazionale sistemi di raccolta delle royalties analoghi a quelli già utilizzati in altri paesi europei”.

Nel comparto orticolo la protezione varietale è ancora più importante – ha commentato Giorgio Foltran, Coordinatore del Gruppo orto wic di Assosementi  – in funzione dei forti investimenti necessari alla ricerca che per alcune aziende sementiere superano il 20% del fatturato annuo. Proteggere una nuova varietà è quindi il passo da compiere, ancora prima di metterne in commercio il seme,  per potere poi essere in grado di intraprendere tutte le azioni necessarie per contrastare la riproduzione illegale e la contraffazione della varietà”.

Articoli correlati

Link utili

Proprietà  intellettuale
Position papers di ESA

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

UPOV - International Union for the Protection of New Varieties of Plants

cpvo Protocolli tecnici DUS delle specie agrarie e delle specie ortive Database varietà  tutelate

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

L’Unione europea blocca le nuove tecniche di innovazione vegetale. Un duro colpo per l’agricoltura con inevitabili gravi conseguenze

Pubblicato il 26 luglio 2018 in: biotecnologiericerca e costituzione varietà  vegetaliproduzione e commercio sementi

La sentenza della Corte di Giustizia europea nega a ricercatori e agricoltori l’accesso alle New Breeding Techniques e non tiene conto del parere dell’Avvocatura generale. Il Presidente Giuseppe Carli: così si abbatte la competitività dell’agricoltura italiana ed europea