comunicato stampa

ASSOSEMENTI: rafforzare le relazioni con la Turchia

Pubblicato il 5 giugno 2013 in: Assosementiproduzione e commercio sementi

Oggi a Bologna l'incontro con i rappresentanti dell'industria sementiera turca. Con 20 milioni di ettari contivabili e un'economia in crescita il gigante agricolo è un partner strategico per l'Italia.

Una delegazione dell'Associazione sementiera turca TSUAB ha incontrato oggi a Bologna i colleghi italiani di ASSOSEMENTI – Associazione italiana sementi. Presenti anche esponenti della Regione Emilia-Romagna, di CRA-SCS (ex-ENSE), l’Ente ufficiale di certificazione delle sementi, e del Servizio fitosanitario regionale. L’obiettivo è rafforzare i contatti commerciali e soprattutto lo scambio di informazioni e di conoscenze di tipo normativo a beneficio delle rispettive aziende associate.

“La visita della delegazione turca TSUAB è molto importante per il nostro settore – ha commentato Paolo Marchesini, Presidente di Assosementi. Con un’economia in forte crescita e una superficie coltivabile di 20 milioni di ettari, quattro volte quella italiana, la Turchia è un “gigante agricolo” che può diventare un partner fondamentale per l’Italia. Contemporaneamente, l’interesse verso il nostro Paese costituisce una conferma del ruolo strategico che riveste l’industria sementiera italiana all’interno del bacino del Mediterraneo, grazie alla sua capacità professionale nel produrre sementi di qualità, così come nel fornire materiale genetico e nuove varietà migliorate.”

“Il nostro paese e la nostra agricoltura sono in forte sviluppo – ha affermato Yildiray Gençer, presidente di TSUAB, che associa oltre 580 aziende sementiere turche, quindi abbiamo necessità di migliorare l’approvvigionamento interno di sementi e il livello di innovazione. Il Ministero dell’agricoltura turco sostiene la produzione di sementi certificate, non solo per elevare la produttività, ma anche per applicare la disciplina comunitaria in vista di una prossima adesione all’UE. L’Italia rappresenta per la Turchia una realtà molto interessante, con colture mediterranee analoghe, che vogliamo quindi conoscere meglio.”

Rapporti tra aziende italiane e turche esistono già da tempo e non riguardano solo la fornitura di sementi. Il peculiare clima mediterraneo della Turchia consente a moltissimi materiali derivanti da programmi di breeding italiani di adattarsi perfettamente e diventare un valore aggiunto.

Alla luce della delicata fase dell’economia mondiale in corso, è essenziale per le aziende sementiere puntare a espandere le relazioni e gli scambi commerciali. “Questo incontro bilaterale ci permetterà di comprendere meglio i meccanismi che regolano gli scambi commerciali di sementi con la Turchia - ha aggiunto Marchesini - così come le procedure per iscrivere le nuove varietà sul catalogo turco, il sistema di certificazione ufficiale e il regime di proprietà intellettuale esistente per la protezione delle varietà.

Articoli correlati

Link utili

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

L’Unione europea blocca le nuove tecniche di innovazione vegetale. Un duro colpo per l’agricoltura con inevitabili gravi conseguenze

Pubblicato il 26 luglio 2018 in: biotecnologiericerca e costituzione varietà  vegetaliproduzione e commercio sementi

La sentenza della Corte di Giustizia europea nega a ricercatori e agricoltori l’accesso alle New Breeding Techniques e non tiene conto del parere dell’Avvocatura generale. Il Presidente Giuseppe Carli: così si abbatte la competitività dell’agricoltura italiana ed europea