comunicato stampa

ROAD TO QUALITY: ASSOSEMENTI lancia il primo marchio collettivo che garantisce la tracciabilità  e la qualità  dei prodotti orticoli a partire dal seme

Pubblicato il 1 ottobre 2013 in: gruppo orto wic

Un disciplinare di produzione e il controllo di enti certificatori a garanzia della trasparenza dei processi produttivi e del rispetto della normativa di settore

È partito “Road to Quality”, il nuovo marchio collettivo del settore orticolo che per la prima volta garantirà la tracciabilità dei prodotti orticoli a partire dal seme. Il progetto è stato lanciato a Macfrut dal gruppo Orto Wic di Assosementi, l’associazione che riunisce le aziende sementiere in Italia.

Il progetto, messo a punto insieme a un gruppo di vivaisti professionali, si basa su un rigoroso disciplinare di produzione e prevede la certificazione del processo produttivo di aziende sementiere e vivaistiche da parte di enti terzi accreditati secondo la norma UNI EN ISO 22005:2008. Obiettivo del marchio Road to Quality è quindi quello di garantire l’origine e le caratteristiche dei materiali riproduttivi impiegati.

“Road to Quality punta a coinvolgere tutti gli attori della filiera, partendo dalle ditte sementiere e dalle aziende vivaistiche, per arrivare in futuro anche ai produttori agricoli, alle industrie di trasformazione e alla distribuzione, ha dichiarato Giorgio Foltran, coordinatore del gruppo Orto wic di Assosementi, che ha presentato il nuovo marchio a Macfrut. Saremo così in grado di assicurare ai trasformatori e ai consumatori che i prodotti acquistati sono stati ottenuti nel rispetto delle norme che disciplinano il settore, la trasparenza dei processi produttivi e la conformità a determinati parametri qualitativi”.

 

Articoli correlati

Link utili

Specie ortive e ornamentali
Position papers di ESA

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

L’Unione europea blocca le nuove tecniche di innovazione vegetale. Un duro colpo per l’agricoltura con inevitabili gravi conseguenze

Pubblicato il 26 luglio 2018 in: biotecnologiericerca e costituzione varietà  vegetaliproduzione e commercio sementi

La sentenza della Corte di Giustizia europea nega a ricercatori e agricoltori l’accesso alle New Breeding Techniques e non tiene conto del parere dell’Avvocatura generale. Il Presidente Giuseppe Carli: così si abbatte la competitività dell’agricoltura italiana ed europea