comunicato stampa

ASSOSEMENTI: non allentare i controlli ufficiali lungo la filiera alimentare per tutelare il consumatore finale

Pubblicato il 25 ottobre 2013 in: tracciabilità produzioniproduzione e commercio sementi

 

Assosementi, l'associazione che riunisce le aziende sementiere in Italia, rimarca l’importanza di non allentare i controlli ufficiali lungo la filiera alimentare, nel contesto delle proposte di riforma legislativa sementiera denominata “Smarter rules for safer food”. Una efficace occasione per ribadire il tema è stata l’audizione pubblica della Commissione ambiente presso il Parlamento europeo lo scorso 14 ottobre. Particolarmente incisivo è stato il contributo del coordinatore del gruppo riso di Assosementi Massimo Biloni, intervenuto in rappresentanza del settore sementiero europeo (European Seed Association), per illustrare l’attuale sistema dei controlli sulle sementi ed evidenziare la necessità di non indebolire la qualità e le garanzie offerte dai controlli.

“La tracciabilità è uno dei presupposti fondamentali per la sicurezza alimentare, ha sottolineato Biloni. Il seme certificato e di qualità è punto di partenza del percorso che porta ai prodotti che giungono ogni giorno ai consumatori ed i controlli che vengono svolti servono a fornire garanzie sulla sanità e sull’identità degli alimenti presenti sul mercato”.

“Condividiamo l’approccio della Commissione europea teso ad armonizzare e razionalizzare i molteplici controlli ufficiali realizzati nelle diverse fasi della filiera produttiva a partire dalle sementi. Attualmente i costi dei controlli di certificazione sono a carico delle stesse aziende produttrici. La proposta della Commissione di esentare invece dagli oneri dei controlli le microimprese, ha evidenziato Biloni, a livello europeo finirebbe con l’interessare il 70% delle aziende sementiere.

“Qualora questa proposta venisse accolta senza modifiche, si renderebbe senz’altro necessario un sostegno con fondi pubblici, perché non si può immaginare di porre a carico delle altre aziende il relativo onere. Si verrebbe inoltre a creare, ha proseguito Biloni, una discriminazione tra aziende che competono sullo stesso mercato. Per attenuare i costi dei controlli è invece importante responsabilizzare maggiormente le imprese stesse, favorendo i controlli privati sotto supervisione ufficiale”.

 

Articoli correlati

Link utili

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna