comunicato stampa

Giornata di mobilitazione nazionale sulla legalità: per ASSOSEMENTInecessaria maggiore tutela per il commercio legale delle sementi

Pubblicato il 12 novembre 2013 in: contraffazioneroyaltyproduzione e commercio sementi

In occasione della Giornata di mobilitazione nazionale sulla legalità promossa da Confcommercio, ASSOSEMENTI - associazione che riunisce le aziende sementiere in Italia - denuncia le illegalità che affliggono diversi segmenti del settore sementiero. “Oggi il tasso di impiego di sementi certificate di grano duro non supera il 65% del fabbisogno, per cui una larga parte della quota restante è da ritenere posta illegalmente sul mercato. Nel campo delle orticole, invece, merita di essere segnalato il fenomeno della riproduzione meristematica illegale del pomodoro, che per la tipologia del “ciliegino” arriva in certe aree a punte del 60% del mercato” - ha dichiarato Paolo Marchesini, Presidente di ASSOSEMENTI.  Sono segnali allarmanti di un fenomeno in crescita, che rischia di danneggiare la competitività e il progresso di tante aziende, ma che si ripercuote anche sul consumatore finale. Il seme rappresenta il primo anello di ogni processo di produzione vegetale ed è alla base dei prodotti ogni giorno vengono destinati ad altre trasformazioni o che arrivano sulla tavola dei consumatori.

“La giornata sulla legalità di Confcommercio è un’occasione per ribadire la necessità di una normativa trasparente ed efficiente sulla proprietà intellettuale per arginare le illegalità che minano le basi del settore sementiero, ha proseguito Marchesini. La normativa che regola la proprietà intellettuale è la sola carta che il costitutore può giocare per salvaguardare i propri investimenti dalla riproduzione illegale e dalla contraffazione garantendo innovazione al sistema produttivo”.

Le aziende sementiere investono per la ricerca in certi settori fino al 20% del proprio fatturato annuo, utilizzando le risorse provenienti dalla vendita di sementi certificate o dalle royalties, ha concluso Marchesini. Il ricorso allo strumento della tutela varietale non rappresenta una prevaricazione delle aziende sementiere, concetto che purtroppo viene veicolato attraverso i media in modo erroneo e fuorviante, bensì innesca un circolo virtuoso di cui beneficia la produzione agroalimentare grazie alle innovazioni messe a disposizione dall’attività di ricerca varietale.”

Articoli correlati

Link utili

Proprietà  intellettuale
Position papers di ESA

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

Database ESA
Brevetti industriali vegetali

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

L’Unione europea blocca le nuove tecniche di innovazione vegetale. Un duro colpo per l’agricoltura con inevitabili gravi conseguenze

Pubblicato il 26 luglio 2018 in: biotecnologiericerca e costituzione varietà  vegetaliproduzione e commercio sementi

La sentenza della Corte di Giustizia europea nega a ricercatori e agricoltori l’accesso alle New Breeding Techniques e non tiene conto del parere dell’Avvocatura generale. Il Presidente Giuseppe Carli: così si abbatte la competitività dell’agricoltura italiana ed europea