comunicato stampa

ASSOSEMENTI, nuove regole sul bio: grande opportunità per l'Italia la soppressione della deroga sulle sementi

Pubblicato il 28 marzo 2014 in: sementi biologiche

Il proposito della Commissione UE di arrivare a cancellare entro il 2021 la deroga sull’impiego di sementi non biologiche è una grande opportunità per l’Italia, tra i primi paesi in Europa nella moltiplicazione di sementi e sicuramente leader per quelle secondo il metodo biologico. Come la stessa Commissione sottolinea nella valutazione d’impatto della proposta per un nuovo regolamento delle produzioni biologiche presentata lo scorso 24 marzo, il ricorso alla deroga è molto ampio, soprattutto in Italia, con punte che per certe colture arrivano al 100% di utilizzo di semente non prodotta con metodo biologico.

Assosementi accoglie quindi con soddisfazione la nuova proposta, finalizzata a rendere più rigoroso il rispetto dei principi stabiliti per le produzioni con metodo biologico, anche se il Presidente di Assosementi Guido Dall’Ara ricorda che “già in precedenza, a partire dal primo regolamento n. 2092/91, era stato previsto un termine per la deroga sulle sementi e gli altri materiali di moltiplicazione vegetativa, poi più volte procrastinato. Auspichiamo che tale situazione non si riproponga, per la credibilità del settore, ma anche per l’ottima occasione che si apre alle nostre produzioni sementiere, sicuramente avvantaggiate dalle condizioni climatiche e dalla nostra abilità professionale”.

“A chi accusa il settore sementiero di non produrre sufficienti sementi biologiche, rispondiamo - continua Dall’Ara - che è la mancanza di domanda per via della scappatoia della deroga a non fare decollare il settore. Siamo di fronte al paradosso che l’Italia è il primo paese produttore di sementi biologiche, ma anche quello con il più elevato ricorso alle deroghe, tanto che la prevalenza delle produzioni di sementi biologiche, sotto contratto, viene realizzata per altri paesi”.

Secondo gli ultimi dati disponibili della banca dati sulle sementi biologiche gestita dal CRA-SCS (ex ENSE), nel 2012 sono state concesse quasi 30.000 deroghe, a fronte di oltre 35.000 richieste e di una base di circa 42.000 agricoltori censiti in biologico, sparsi sul territorio nazionale. Nel 2011 la moltiplicazione in Italia di sementi biologiche ha interessato per le specie soggette a certificazione ufficiale quasi 7.600 ha, il 4,8 % della superficie totale, con alcune specie come frumento duro, farro, cece e diverse foraggere che hanno una quota in biologico nettamente superiore e tale da ritenere già ampiamente soddisfatta la disponibilità di sementi prodotte con metodo biologico, tanto che l’abrogazione dello strumento della deroga potrebbe essere già anticipato.

Articoli correlati

Link utili

CREA-DC Banca dati disponibilità  sementi biologiche in Italia

Agricoltura biologica (DG AGRI Commissione Europea)

Prodotti Biologici (sito Ministero Politiche Agricole)

Federbio - Federazione italiana agricoltura biologica e biodinamica

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna