comunicato stampa

ASSOSEMENTI: semine primaverili, il mais tiene nonostante il trend negativo di mercato

Pubblicato il 25 luglio 2014 in: ricerca e costituzione varietà  vegetalisezione colture industrialiproduzioni e commercio derrate

Secondo le stime elaborate dalla Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI, le semine primaverili 2014 avrebbero registrato una perdita inferiore ai timori inziali per il mais, assestatosi su una superficie complessiva di 1.010.000 ettari (-5% circa rispetto al 2013); una buona crescita, ma non come atteso, per la soia, arrivata attorno ai 250.000 ettari (+15% circa), mentre fa segnare una flessione importante il girasole, sceso sui 90.000 ettari (-25%). Ottimo invece il recupero della bietola da zucchero, che è ritornata sopra i 50.000 ettari.

“La nuova contrazione della superficie del mais, meno pesante di quanto temuto ad inizio campagna, evidenzia che ci si sta avvicinando ad una soglia di resistenza legata ad un utilizzo del prodotto non surrogabile (zootecnia, biogas) ed alla fiducia che gli agricoltori continuano a manifestare verso la coltura anche per i risultati che può assicurare - ha dichiarato Giuseppe Carli, Presidente della Sezione colture industriali di Assosementi. Le nuove varietà che la ricerca genetica continua a mettere a disposizione e le nuove agrotecniche consentono infatti di raggiungere importanti risultati. L’andamento stagionale piovoso e fresco ha poi finora favorito la coltura e quindi se continuerà di questo passo, sarà possibile contare su produzioni finali molto buone, dopo due stagioni molto deludenti”.

Secondo le stime di Assosementi il mais coltivato in Italia è destinato alla produzione di granella (660.000 ettari circa), di insilato (250.000 ettari) e di biogas (100.000 ettari). Le recenti statistiche diffuse dalla Commissione EU (Eurostat e DG agricoltura) pongono l’Italia al 4° posto in Europa nella coltivazione di mais da granella, dopo Romania, Francia ed Ungheria. Assosementi ricorda tuttavia che negli ultimi 10 anni la coltura del mais ha perso in Italia oltre 400.000 ettari, vale a dire poco meno di 1/3 della superficie.

Articoli correlati

Link utili

Biodiversità 
Position papers di ESA

Mais
Position papers di ESA

Specie di oleaginose
Position papers di ESA

Biodiversità
Position papers di ESA

Miglioramento genetico e innovazione
Position papers di ESA

Database ESA
Brevetti industriali vegetali

ISTAT - dati annuali coltivazioni nazionali, regionali e provinciali - dal 2006

Gazzetta Ufficiale Italiana

Coltivazioni in Europa
Le stime Coceral e del COPA-COGECA

Ultimi articoli pubblicati