comunicato stampa

ASSOSEMENTI: necessaria una nuova legge per il riso, senza rinunciare all'innovazione varietale ed alla trasparenza verso il consumatore

Pubblicato il 30 luglio 2014 in: ricerca e costituzione varietà  vegetalitracciabilità produzionigruppo risoproduzioni e commercio derrateproduzione e commercio sementi

Assosementi, l’Associazione delle aziende sementiere italiane, interviene nel dibattito attorno alla proposta che dovrebbe sostituire entro un anno la legge 325 del 1958 riguardante il commercio del riso in Italia. Da diversi anni tutti i protagonisti della filiera risicola si stanno confrontando per trovare un accordo su come modificare la vecchia disciplina e nel disegno di legge sulla competitività del settore agricolo, in discussione in Parlamento, è prevista una delega al Governo per emanare uno o più provvedimenti a tale fine. 

“Siamo anche noi favorevoli ad aggiornare la disciplina interna del mercato del riso e quindi assicuriamo piena collaborazione al lavoro che stanno svolgendo il Ministero delle politiche agricole, l’Ente Nazionale Risi e tutti gli altri protagonisti della filiera – ha commentato Massimo Biloni, Coordinatore del Gruppo riso di Assosementi – ma la nuova legge non deve diventare una generica copia della classificazione europea che ammette la vendita del riso solo in base alla tipologia, tondo, medio o lungo. L'Italia è l'unico Paese dotato di una legge che permette per ogni riso l'identificazione del gruppo varietale d'appartenenza: uno strumento di grande trasparenza e qualità per il consumatore. Dobbiamo mantenere questa prerogativa, che ha qualificato il riso italiano, e valorizzarla per il bene di tutta la filiera mediante un protocollo di tracciabilità. “Siamo d’accordo per assicurare la massima salvaguardia alle varietà tradizionali, che vanno sul mercato con la loro denominazione storica, ma la tracciabilità non può limitarsi solo a questa tipologia di riso: deve coinvolgere tutte le varietà che siano vendute col proprio nome. E’ una questione non solo di trasparenza nel confronti del consumatore, ma anche di pari opportunità per tutti gli operatori sementieri”.

I dati di Ente Risi sulle varietà coltivate nel 2013 – sottolinea Assosementi – mettono in evidenza la forte attenzione dei risicoltori verso l’innovazione, tanto è vero che il 44% della superficie nazionale investita a riso è stata coltivata con varietà iscritte da non più di 5 anni nel registro ufficiale ed un altro 27% con varietà di non oltre 15 anni. La superficie occupata dalle vere varietà storiche si è limitata ad un solo 13%. Peraltro, aggiunge Assosementi, negli ultimi dieci anni sono state iscritte nel registro ufficiale italiano oltre 70 nuove varietà, caratterizzate da una taglia più bassa, da maggiore resistenza alle malattie e da una migliore costanza di produzione e di qualità, provenienti in larga parte dalla ricerca privata.

"Le aziende sementiere italiane – conclude Biloni – contribuiscono a mantenere in vita tutte le varietà storiche moltiplicandone ogni anno le sementi, ma contemporaneamente svolgono anche una competente attività di miglioramento varietale, rinomata in tutta Europa, per creare le nuove varietà che dovranno domani tenere alta la qualità del "riso made in Italy"". 

 

 

Articoli correlati

Link utili

Biodiversità 
Position papers di ESA

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

Biodiversità
Position papers di ESA

Miglioramento genetico e innovazione
Position papers di ESA

Database ESA
Brevetti industriali vegetali

ISTAT - dati annuali coltivazioni nazionali, regionali e provinciali - dal 2006

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Coltivazioni in Europa
Le stime Coceral e del COPA-COGECA

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna