comunicato stampa

ASSOSEMENTI: perplessità sulla soppressione dell'ENSE, la produzione sementiera ha bisogno di efficienza

Pubblicato il 31 maggio 2010 in: attività enseproduzione e commercio sementi

L’ipotesi annunciata dal Governo di sopprimere l’ENSE (ente nazionale delle sementi elette) e trasferirne i compiti all’INRAN (istituto nazionale ricerca alimenti e nutrizione) solleva grosse perplessità e preoccupazioni in ASSOSEMENTI, l’Associazione italiana dell’industria sementiera. “In base alle norme comunitarie e nazionali le sementi per potere essere commercializzate debbono essere ufficialmente controllate e certificate e l’efficienza e la tempestività nell’assicurare questi compiti, svolti in Italia dall’ENSE” - sottolinea Luciano Tabarroni, presidente di ASSOSEMENTI – “sono fondamentali per l’operatività e la competitività dell’intera industria sementiera nazionale”.

“Se in una logica di risparmio l’ipotesi di una semplice soppressione dell’Ente nazionale sementi apparirebbe incomprensibile e demagogica, in quanto obbligherebbe poi ogni Regione a dotarsi di un proprio organismo di certificazione delle sementi, che deve essere svolta da un organismo pubblico o sotto controllo pubblico” – aggiunge il presidente di ASSOSEMENTI – “l’eventuale trasferimento della certificazione delle sementi ad un’altra figura non dovrà invece comportare assolutamente alcuna penalizzazione per le aziende sementiere, in un momento in cui sono anch’esse pienamente coinvolte dalla grave contrazione delle produzioni agricole e degli investimenti”.

“Tanto più che il servizio di certificazione è pagato completamente dalle stesse aziende sementiere, senza alcun contributo statale e con il bilancio dell’ENSE che è da anni in equilibrio. Puntando invece ad una maggiore valorizzazione delle sementi certificate, elemento oggi indispensabile nelle produzioni agroalimentari di qualità e tracciate” – continua Tabarroni – “l’industria sementiera è invece disponibile ad un maggiore coinvolgimento nella gestione della certificazione, così come di una eventuale figura pubblico-privata che si occupi espressamente di questo compito, con alta razionalità ed efficienza”.

La produzione sementiera soggetta a certificazione ufficiale ha interessato nel 2009 in Italia una superficie di 197.796 ettari di colture portaseme, e 632.344 tons di sementi controllate. Il numero di aziende con licenza di produzione sementiera che nel 2009 si sono sottoposte ai controlli da parte dell’ENSE sono state 276.

Articoli correlati

Link utili

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna