comunicato stampa

ASSOSEMENTI: ancora un risultato positivo nel 2014 per la produzione di sementi da orto in Italia

Pubblicato il 16 marzo 2015 in: sezione ortiveproduzione e commercio sementi

Il settore reclama tuttavia maggiore assistenza dalle autorità fitosanitarie nazionali per mantenere aperti i mercati dei Paesi terzi

Sono rimaste sostanzialmente stabili sui 14.000 ettari, nel 2014, le superfici destinate in Italia alla moltiplicazione di sementi da orto. Se tuttavia comprendiamo anche le specie classificate come aromatiche, sono stati superati complessivamente i 26.000 gli ettari, rispetto ai 19.000 di due anni fa. È quanto emerge dall’indagine condotta dalla Sezione orto di Assosementi, l’organizzazione di categoria che si fa carico di monitorare anche l’andamento del settore.

“C’è da essere particolarmente soddisfatti di questo risultato, che premia l’elevata professionalità di tutto il settore e conferma la qualità delle nostre produzioni sementiere” – è il commento di Assosementi. “Al di là dei cambiamenti registrati con le diverse specie, è però opportuno sottolineare che un numero crescente di Paesi terzi sta introducendo richieste di certificazione fitosanitaria che solo le nostre autorità possono produrre e quindi, senza una loro maggiore reattività, corriamo il rischio di perdere importanti sbocchi commerciali”

Secondo i dati annuali appena diffusi dall’ISTAT, nel 2014 il valore delle esportazioni dall’Italia di sementi da orto ha toccato i 96 milioni di euro. La destinazione prevalente delle sementi prodotte in Italia resta l’Europa, tuttavia l’area asiatica ed i paesi del bacino mediterraneo oramai coprono una quota del 30%.

La ripartizione regionale delle colture da seme vede sempre in testa l’Emilia-Romagna dove sono stati poco meno di 11.000 gli ettari coltivati nel 2014. A seguire, abbiamo poi la conferma di Marche e Puglia, mentre sono in crescita il Molise e l’Abruzzo. A livello di specie, le colture portaseme più coltivate sono state in ordine la cipolla, il ravanello, le brassicacee ed il pisello. E’ significativa la superficie destinata tra le brassicacee ai cavoli ibridi, una coltura che richiede grande impegno ed una elevata professionalità, ma capace di assicurare un reddito molto interessante agli agricoltori moltiplicatori.

Si è contratto nel 2014 l’ettarato della cipolla da seme (-27%), pur continuando a restare la maggiore coltura, causa la presenza di stock di seme rimasti invenduti per le crisi che investono alcuni dei paesi di destinazione, come l’est europeo ed il medio oriente. La cipolla da seme sconta, inoltre, la crescente concorrenza della produzione turca. Sul fronte delle specie cosiddette aromatiche, infine, svetta di nuovo il coriandolo che ha raggiunto i 13.000 ettari (+170% rispetto al 2012), per effetto di una domanda in costante ascesa dei mercati asiatici e dell’America Latina.

 

Articoli correlati

Link utili

Specie ortive e ornamentali
Position papers di ESA

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna