comunicato stampa

Concia delle sementi, gestirla bene per massimizzare il raccolto

Pubblicato il 29 giugno 2015 in: concia delle sementisezione colture industriali

Una guida dell'Associazione per ricordare a tutti gli operatori le buone pratiche agricole da seguire con le sementi conciate

Un buon seme è un punto di partenza importante per chiunque lavori in agricoltura e la concia è una delle tecniche più razionali per proteggerlo in modo adeguato. Lo ricorda Assosementi che ha messo a punto una guida sintetica sulle buone pratiche agricole da rispettare nella gestione delle sementi conciate.

“Abbiamo deciso di predisporre uno strumento approfondito, ma al tempo stesso di facile lettura, perché il tema della concia sta acquisendo sempre più rilievo per le società sementiere e gli utilizzatori finali, per i molteplici aspetti connessi alla qualità del trattamento e alla sicurezza degli addetti - ha dichiarato Guido Dall’Ara, Presidente di Assosementi. La concia migliora la produttività e la qualità del raccolto, contrastando l’azione dei parassiti nelle fasi iniziali di sviluppo delle piante e minimizzando l’impatto ambientale. Utilizzando seme conciato, i rischi di perdite del raccolto si riducono, peraltro con un risparmio nell’uso di mezzi tecnici”.

La guida di Assosementi, realizzata dalla Sezione colture industriali, illustra nella prima parte i vantaggi legati ad una buona concia svolta professionalmente e a corrette operazioni di semina in campo. La seconda parte è dedicata all’etichettatura e alle informazioni presenti sulle confezioni, sia per quanto riguarda la certificazione ufficiale della sementi, che in relazione ai concianti impiegati. Infine, sono fornite indicazioni utili per gestire in modo sicuro il seme conciato, prima, durante e dopo la semina.

Lo scorso aprile Assosementi ha presentato il progetto ESTA (European Seed Treatment Assurance Scheme), una iniziativa dell’Associazione Sementiera Europea (ESA), che ha l’obiettivo di diffondere uno standard di concia rigoroso e altamente qualificato attraverso la verifica innanzitutto dell’efficienza degli impianti di concia, poi della qualità del processo stesso, con il controllo del residuo finale di polveri presenti sul seme.

 

Articoli correlati

Link utili



Brochure ESTA "I vantaggi di una concia certificata.

Standard ESTA - European Seed Treatment Assurance Industry Scheme

Scopri come aderire allo standard ESTA

Mais
Position papers di ESA

Specie di oleaginose
Position papers di ESA

Fitofarmaci e concia
Position papers di ESA

Banca dati SIAN
fitofarmaci e sostanze attive
(Ministero delle politiche agricole)

Banca dati dei prodotti fitosanitari
(Ministero della Salute)

Il marchio "CQ - Cereali di qualità " gestito dal CONVASE, per promuovere la concia di qualità  e la tutela dei cerealicoltori.

Database UE
pesticidi e sostanze attive

Gazzetta Ufficiale Italiana

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

Ultimi articoli pubblicati