comunicato stampa

Stabili nel 2014 secondo i dati Istat le importazioni e le esportazioni italiane di sementi

Pubblicato il 2 luglio 2015 in: produzione e commercio sementi

Le limitate variazioni registrate nel 2014 non modificano il quadro generale, in costante deficit, con importazioni pari a 360 milioni di euro ed esportazioni ferme a 255 milioni. Si consolida l’export di sementi da orto, mentre arretrano le foraggere

Il quadro fornito dall’ISTAT con i dati annuali 2014 sull’import-export di sementi dell’Italia evidenzia una situazione nel complesso di sostanziale stabilità rispetto al 2013. Guardando ai tre settori di punta, sono aumentate in valore (+5%) le esportazioni, ma anche le importazioni di sementi da orto;  sono rimaste invariate quelle di barbabietola  da zucchero; hanno segnato il passo le sementi di erba medica, con un calo delle esportazioni (-8%) ed un forte incremento (+80%) invece delle importazioni.

Il saldo degli scambi con gli altri paesi continua a restare negativo, per un valore di oltre 100 milioni di euro, nonostante le ottime potenzialità di moltiplicazione che offre il nostro paese grazie alla presenza di eccellenti condizioni ambientali, alla flessibilità delle strutture aziendali e alla professionalità degli operatori, che hanno consentito negli ultimi anni di migliorare la bilancia commerciale del nostro paese. L’agricoltura italiana è molto qualificata e richiede sementi non solo di qualità, ma soprattutto di varietà di elevato valore genetico. “Gli agricoltori non potrebbero difendere il proprio grado di competitività senza avere la piena possibilità di scegliere le migliori sementi da utilizzare” è il commento di Guido Dall’Ara, presidente di Assosementi. “I dati dell’import-export di sementi dimostrano che c’è spazio anche in questo settore per aumentare la produzione interna di sementi e contenere la dipendenza dall’estero”.

Le importazioni di sementi nel 2014 sono state composte per il 40% da sementi da orto (valore di 145 milioni di euro), per il 15% da sementi di foraggere (54 mio/euro), per il 13% da sementi di mais ibrido (valore 48 mio/euro) e per il 9% da tuberi-seme di patata. Le esportazioni, invece, hanno visto primeggiare con una quota del 38% le sementi da orto (valore 97 milioni di euro), seguite con il 21% dalle sementi di foraggere (valore 54 mio/euro), con il 12% dalle sementi di barbabietola da zucchero (valore 31 mio/euro) e con l’11% dalle sementi di mais ibrido. Aumentate poi del 50% in valore sul 2013 le esportazioni di sementi di riso (5 mio/euro), di cui l’Italia è leader in Europa per la produzione.

Analizzando il bilancio import-export sementi dei singoli settori, risultano essere in attivo i soli settori della barbabietola da zucchero, del riso e delle foraggere. In passivo, invece, quelli di mais, ortive, patata, legumi e oleaginose. In molti casi le sementi moltiplicate in Italia vengono esportate ai paesi committenti, per la lavorazione e certificazione finale, per poi ritornare nel nostro paese per la distribuzione agli utilizzatori.

Le prime cinque produzioni di sementi esportate e importate, come valore (Milioni di euro, 2014)

Fonte: Elaborazione Assosementi su dati ISTAT

Articoli correlati

Link utili

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna