comunicato stampa

Assosementi: illegalità nel settore sementiero, occorre maggiore attenzione e rinnovato impegno per un più efficiente contrasto

Pubblicato il 21 dicembre 2015 in: contraffazioneAssosementiproduzione e commercio sementi

Per il bene del settore e per sconfiggere le illegalità occorre che tutti gli attori facciano la propria parte e sviluppino con chi deve garantire il controllo delle produzioni le migliori sinergie possibili.

Questo è quanto è emerso dal seminario organizzato a Bologna da ASSSOSEMENTI, l’associazione che riunisce le aziende sementiere italiane, per un aggiornamento su questa importante tematica e per individuare nuovi strumenti di contrasto del fenomeno.

“Le illegalità toccano in misura diversa tutte le specie autogame, frumento duro, tenero, erba medica, riso, soia e ortive, solo per citarne alcune – ha commentato Franco Brazzabeni, Presidente della Sezione cereali a paglia di Assosementi. Quelle più rappresentative del nostro territorio, come ad esempio l’erba medica, il frumento duro e il riso, toccano punte particolarmente gravi di oltre il 30% coinvolgendo non solamente il mondo sementiero, ma un numero cospicuo di operatori fra cui gli stoccatori, i contoterzisti e gli agricoltori che commercializzano granella non certificata ad uso seme. All’elenco si sono aggiunti anche i servizi di selezione mobile che operano in un contesto che necessita di maggiore chiarezza soprattutto per quanto riguarda l’applicazione delle regole e le responsabilità di chi deve effettuare i controlli”. Il seme certificato è il punto di partenza di ogni filiera e senza di esso si perde la tracciabilità e la conseguente tutela dei consumatori.

Il nostro settore non è nuovo a queste problematiche, tuttavia un ruolo importante lo hanno giocato – è indubbio – le politiche di disaccoppiamento e l’assenza di accordi di filiera in grado di favorire la tracciabilità delle produzioni. Il risultato è stato un crescente manifestarsi di fenomeni di illegalità, come evidenziato negli interventi dell’ICQRF e del CREA-SCS.

“Assosementi è da tempo impegnata nel contrasto delle illegalità – ha precisato Guido Dall’Ara, Presidente di Assosementi – garantendo il necessario supporto alle aziende sementiere colpite e nell’assicurare un puntuale collegamento con gli organi di controllo, nei confronti dei quali occorre rafforzare la collaborazione al fine di rendere maggiormente efficace l’attività di verifica. In questa direzione Assosementi intende operare sin dalle prossime settimane”.

Articoli correlati

Link utili

Proprietà  intellettuale
Position papers di ESA

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

Database ESA
Brevetti industriali vegetali

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna