comunicato stampa

Assosementi: soddisfatti per l'approvazione del Piano del settore mais dalla conferenza stato regioni

Pubblicato il 21 febbraio 2020 in: ricerca e costituzione varietà  vegetalipiani di settore

L’approvazione della Conferenza Stato-Regioni del Piano nazionale per il settore mais è una buona notizia per la filiera italiana di questa coltura, la prima in Italia in termini di raccolto, e per tutto il sistema agroalimentare italiano. È quanto afferma Assosementi, l’associazione che rappresenta le ditte sementiere in Italia, a seguito della convalida del documento frutto del lavoro congiunto fra Ministero delle politiche agricole e i principali soggetti della filiera maidicola, tra cui la stessa Assosementi.

“Per favorire la ripresa del comparto italiano del mais sono fondamentali il dialogo e la collaborazione tra istituzioni e filiera - ha dichiarato Giuseppe Carli, Presidente di Assosementi. A causa della significativa riduzione delle superfici coltivate, negli ultimi quindici anni siamo passati dall’autosufficienza a una forte dipendenza dall’estero, per quasi il 50% del fabbisogno. Il problema non investe soltanto i maiscoltori in maniera diretta, ma quasi l’interezza del sistema agroalimentare italiano e le eccellenze del Made in Italy, dato che il mais è alla base di quasi tutte le produzioni DOP e IGP del nostro paese”.

“Il calo delle quotazioni ha spinto molti maiscoltori italiani a orientare diversamente le proprie scelte produttive. Alle difficoltà di mercato si sono inoltre sommate problematiche fitosanitarie – ha aggiunto Carli. Inoltre, anche alla luce della sentenza della Corte europea del luglio 2018 che, in maniera poco comprensibile, ha fatto ricadere le nuove tecniche di miglioramento genetico (NBTs) nella normativa OGM, l’Italia rischia di perdere ulteriore competitività nei confronti dei sistemi produttivi dei Paesi dove questi preziosi strumenti sono già adottati”.

“L’incremento della competitività, attraverso il sostegno alla ricerca e l’auspicata possibilità di sperimentare in campo le NBTs, è una delle direttrici indicate dal Piano per porre rimedio alle criticità del settore, insieme ad altre azioni di rilievo, come ad esempio la promozione di contratti di filiera e l’impiego di una parte delle dotazioni dei Psr a favore di investimenti innovativi nel comparto mais. Il nostro auspicio è che questo sia il primo passo verso il rilancio necessario di una coltura fondamentale per il nostro Paese e che gli agricoltori possano tornare a considerare il mais come una scelta remunerativa. È ora importante proseguire rapidamente a percorrere la strada tracciata, per ottenere risultati in tempo utile” ha concluso Carli.

Articoli correlati

Link utili

Biodiversità 
Position papers di ESA

Biodiversità
Position papers di ESA

Miglioramento genetico e innovazione
Position papers di ESA

Database ESA
Brevetti industriali vegetali

Ultimi articoli pubblicati