comunicato stampa

Sementi di bietola: accordo fra le Aziende per meglio qualificare le aree di moltiplicazione

Pubblicato il 10 gennaio 2008 in: accordi moltiplicazione sementiproduzione e commercio sementi

Raggiunto un nuovo accordo tra le aziende sementiere per meglio qualificare le aree di moltiplicazione della bietola da zucchero nel territorio emiliano-romagnolo. Fermo restando tutte le altre zone di coltivazione che da tempo si sono consolidate, per i raccolti delle annate 2009 e 2010 le aziende hanno infatti concordato che non verranno più realizzate colture di bietole rosse da seme nelle zone a monte della via Emilia, anche nel tratto da Imola a Cesena. Già da tempo le aziende sementiere avevano rinunciato a coltivare bietole rosse nella zona sempre a monte della Via Emilia, ma solo nel tratto da Imola verso Bologna.

La moltiplicazione di sementi di bietola da zucchero è un importante settore dell’attività sementiera italiana e le zone di moltiplicazione sono soprattutto concentrate nelle aree piane delle provincie di Ravenna, Forlì-Cesena, Ferrara e Bologna che si estendono verso il mare.

Il primo accordo tra le aziende per un ottimale isolamento delle colture da seme risale all’anno 1982. Esso ha consentito nel tempo, con successivi adattamenti e grazie anche al ruolo della Regione Emilia-Romagna, che ha emanato una specifica legge per disciplinare la produzione delle sementi di piante allogame, di dare vita all’attuale area di pre-uso riservata alle colture da seme di bietola da zucchero.

Negli ultimi anni sono tuttavia emersi nelle sementi di bietola da zucchero problemi di inquinamento – nell’ambito delle tolleranze di legge, ma qualitativamente non accettabili da parte delle aziende committenti – determinati quasi certamente da colture di bietole da orto rosse.

Il nuovo accordo dovrebbe consentire di migliorare la sicurezza della collocazione delle colture ed il loro livello qualitativo; tuttavia esso necessita di una verifica concreta, con i raccolti delle prossime annate. La dinamica della presenza delle colture da seme risponde infatti a diverse esigenze: innazitutto la domanda di mercato, poi l’idoneità delle zone, la competitività nei costi, l’evoluzione genetica delle varietà e, non ultimo, le necessità qualitative dell’azienda sementiera.

La superficie occupata dalla produzione di seme di bietola da zucchero ha toccato la sua massima espansione negli anni 1997-98, con oltre 4.000 ettari, scesi a poco più di 2.000 ettari negli anni 2000-02, poi in ripresa in questi ultimi anni. Per il raccolto 2007 erano in coltivazione circa 3.700 ettari.

Articoli correlati

Link utili

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna