comunicato stampa

Ogm e coesistenza: possibile per AIS, tutte le colture sementiere sono già un esempio di coesistenza

Pubblicato il 5 ottobre 2005 in: coesistenza ogm convenzionale bioproduzione e commercio sementi

“La coesistenza tra colture tradizionali e colture ogm è possibile – afferma Bruna Saviotti, Presidente di AIS, commentando i risultati dell'indagine Eurisko sull’ atteggiamento degli agricoltori nei confronti delle coltivazioni modificate geneticamente – a condizione di essere disponibili ad applicare ed accettare ragionevoli soglie di tolleranza nei confronti della presenza accidentale”.

“Tutte le produzioni sementiere sono già un esempio concreto di coesistenza, basta infatti pensare che vengono ottenute in ambienti di coltivazione dove coesistono colture anche della stessa specie, adottando precise tecniche colturali” – aggiunge Saviotti. “Queste tecniche di produzione sono il risultato di una continua verifica pratica, nonché di rigorosi controlli di qualità, fondamentali per mantenere alta la qualità e restare competitivi. Nessuna semente è da ritenere pura, in natura la purezza non esiste, tutte però rispettano i parametri qualitativi previsti dalla normativa e che sono raggiungibili anche economicamente”.

“L’incertezza che regna tra tutti gli operatori, così come la percezione prevalentemente negativa delle colture geneticamente modificate sono anche il risultato di un’informazione inadeguata – prosegue Saviotti – che potranno essere superati solo con una chiara apertura alla sperimentazione ed all’ innovazione, aprendosi con tutta l’attenzione necessaria in materia alla coesistenza”.

Il Presidente AIS esprime infine l’auspicio che a partire dalla Comunità vengano quanto prima definite soglie di tolleranza per la presenza accidentale di ogm nelle sementi. “La tolleranza zero oggi vigente in materia di sementi – sottolinea Saviotti – è non solo presunta, ma addirittura controproducente per le aziende sementiere insediate nel nostro paese, a vantaggio dei grossi competitori internazionali in grado di operare su più mercati”.

Articoli correlati

Link utili

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

ISTAT - distribuzione delle sementi, dati provinciali, regionali e nazionali dal 2003

Gazzetta Ufficiale Italiana

ESCAA - European Seed Certification Agencies Association. Brings together every seed certification bodies from European Union, European Economic Area (EEA) and European Free Trade Association (EFTA).

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

Assosementi presenta il manifesto 'PRIMA I GENI': la mancanza di innovazione mette a rischio la competitività dell'agricoltura europea

Pubblicato il 3 dicembre 2018 in: biotecnologiealimenti mangimi novel foodricerca e costituzione varietà  vegetali

“Una regolazione sbagliata può soffocare l’innovazione, rendendo proibitivi i costi e i tempi di ricerca per piccole e medie imprese”, ha detto il Segretario Generale di Assosementi Alberto Lipparini. L’incontro organizzato in collaborazione con SIGA, Società Italiana di Genetica, si è tenuto all’Università di Bologna