position paper

PAC post 2013, la posizione del Gruppo riso di ASSOSEMENTI

Pubblicato il 29 marzo 2011 in: pacpac e sementipiani di settoregruppo riso

In relazione al dibattito in corso ed in funzione delle decisioni che dovranno essere adottate, il Gruppo sementi di riso di ASSOSEMENTI esprime la seguente posizione:

Completamento revisione Health Check 2009 - 2013

Le conclusioni dell’Health Check stabiliscono con il regolamento CE n. 73/2009 che - per quanto riguarda il set-tore del riso - il raccolto 2011 sia l’ultimo ad usufruire:

- dell’aiuto accoppiato alla produzione di sementi certificate;

- del pagamento specifico accoppiato di 453 euro/ettaro.

Il Gruppo riso di ASSOSEMENTIè favorevole:

  1. a prorogare, se possibile, i due suddetti aiuti accoppiati anche ai raccolti 2012 e 2013;
  2. ove ciò non sia possibile, ad individuare quale periodo di riferimento per l’attribuzione ai coltivatori dei relativi diritti che confluiranno nel PUA - sia per il disaccoppiamento dell’aiuto alle sementi certificate, che per l’aiuto specifico alla coltura - il periodo ammissibile di anni più prossimo al 2011;
  3. a trattenere, se possibile, una quota dagli aiuti che verranno disaccoppiati, per attivare nell’ambito dell’art. 68 un meccanismo premiale accoppiato da riservare ai coltivatori di riso che utilizzino sementi certificate.

PAC post 2013

Il Gruppo riso di ASSOSEMENTI chiede:

  • che la coltura del riso sia considerata strategica, non solo per l’agricoltura e l’equilibrio ambientale delle aree di coltivazioni del Nord, ma anche per la specifica filiera agroalimentare che essa attiva e che vede l’Italia paese leader in Europa, affinché possa essere ammessa a beneficiare di eventuali aiuti accoppiati ancora possibili in futuro;
  • siano stabilite le condizioni affinché ogni qualvolta sarà possibile, possano essere definiti accordi di filiera e contratti tipo di moltiplicazione basati sull’utilizzo obbligatorio di seme certificato, visto il ruolo insosti-tuibile che esso riveste ai fini della identificazione e della rin-tracciabilità delle produzioni e dell’origine delle materie prime.

----------
29 marzo 2011

Articoli correlati

Link utili

Gazzetta Ufficiale Italiana

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

Ultimi articoli pubblicati