position paper

Termini utilizzati dall'industria sementiera orticola per descrivere la reazione delle piante agli organismi nocivi

Pubblicato il 23 gennaio 2013 in: qualità delle sementisettore fitosanitarioISF

 

Position Paper

DEFINIZIONE DEI TERMINI IMPIEGATI DALL’INDUSTRIA SEMENTIERA ORTICOLA
PER DESCRIVERE LA REAZIONE DELLE PIANTE AGLI ORGANISMI NOCIVI,
NONCHE’ AGLI STRESS ABIOTICI

(Adottata dalla Sezione sementi da orto e ornamentali di ISF nel giugno 2012)

1. Introduzione

La relazione tra una pianta ed un organismo nocivo è molto complessa. I termini che descrivono la reazione di una varietà vegetale ad un organismo nocivo sono determinati grazie a prove realizzate in condizioni ambientali controllate, con biotipi, patotipi, razze e ceppi noti e caratteristici dell’organismo nocivo in questione.

A livello pratico, la capacità di un organismo nocivo di provocare una malattia in una pianta dipende dalle condizioni ambientali, dalle proprietà dell’organismo stesso e dalla capacità della pianta di difendersi. All’interno di una determinata specie vegetale le varietà possono presentare una diversa capacità di difendersi.

In funzione di varie condizioni quali l’età della pianta, la pressione e la virulenza dell’organismo nocivo, oppure di situazioni ambientali avverse, l’interazione tra la stessa pianta ed un organismo nocivo può portare a risultati diversi.

E’ noto che gli organismi nocivi sono in grado di sviluppare e formare biotipi, patotipi, razze o ceppi nuovi capaci di danneggiare piante le quali continuano invece a non essere colpite dalla forma originaria dell’organismo nocivo.

Al fine di assicurare coerenza nei termini che vengono utilizzati per descrivere la reazione di una pianta ad un vegetale organismo nocivo, la Sezione sementi da orto e ornamentali di ISF ha definito la seguente terminologia.

2. Definizioni

Suscettibilità: è l'incapacità di una varietà vegetale di limitare la crescita e lo sviluppo di un determinato organismo nocivo.

Resistenza: è la capacità di una varietà vegetale di limitare la crescita e lo sviluppo di un determinato organismo nocivo e/o il danno che provoca, rispetto a varietà suscettibili poste in analoghe condizioni ambientali e di pressione dell’organismo nocivo. Le varietà resistenti possono, tuttavia, manifestare qualche sintomo di malattia o di danno in presenza di una forte pressione da parte di un organismo nocivo.

Vengono definiti due livelli di resistenza:

Resistenza elevata (HR**): varietà in grado di limitare fortemente la crescita e lo sviluppo di un determinato organismo nocivo, in condizioni normali di pressione infettiva, se confrontate con varietà suscettibili. Queste varietà possono tuttavia manifestare qualche sintomo o danno in condizioni di elevata pressione da parte dell’organismo nocivo.
Resistenza intermendia (IR**): varietà in grado di limitare la crescita e lo sviluppo di un determinato organismo nocivo, ma che possono mostrare una gamma più ampia di sintomi o di danni, se confrontate con varietà a resistenza elevata. Le varietà con resistenza intermedia manifesteranno comunque sintomi o danni meno marcati rispetto alle varietà suscettibili, se coltivate in condizioni ambientali simili e/o con la medesima pressione da parte dell’organismo nocivo.

Occorre osservare che se una varietà viene dichiarata resistente, questa resistenza è limitata ad uno specifico biotipo, patotipo, razza o ceppo dell’organismo nocivo.

Se si dichiara una resistenza senza specificare alcun biotipo, patotipo, razza o ceppo, significa che non esiste alcuna classificazione riconosciuta per l’organismo nocivo in questione come biotipo, patotipo, razza o ceppo. Nuovi biotipi, patotipi, razze o ceppi che possono manifestarsi, non sono coperti dalla resistenza dichiarata all’origine.

Immunità: quando una pianta non è soggetta ad attacco o infezione da parte di un determinato parassita organismo nocivo.

3. Dichiarazione

La Sezione sementi da orto e ornamentali di ISF raccomanda alle aziende sementiere orticole di utilizzare i termini di suscettibilità, resistenza elevata o intermedia e immunità per descrivere la reazione delle piante agli organismi nocivi nella comunicazione con i propri clienti. L’utilizzo del termine “tolleranza”dovrebbe essere evitato.

Le aziende sementiere orticole continueranno ad impiegare il termine “tolleranza” per descrivere la capacità di una varietà vegetale di resistere a stress abiotici, senza serie conseguenze per lo sviluppo, l’aspetto e la resa produttiva.

Le definizioni e le raccomandazioni saranno oggetto di revisione entro 5 anni.

--------
* La FAO definisce un organismo nocivo i vegetali, animali o agenti patogeni di qualsiasi specie, razza o biotipo nocivi ai vegetali ed ai prodotti vegetali. I patogeni (microorganismi quali batteri, virus e funghi che provocano una malattia) sono pertanto inclusi nel termine “organismo nocivo”.

** Le sigle di abbreviazione  HR  (resistenza elevata)  e  IR  (resistenza intermedia) dovranno essere utilizzate in tutte le lingue.

Traduzione a cura di ASSOSEMENTI (gennaio 2013)

Articoli correlati

Link utili

Fitofarmaci e concia
Position papers di ESA

Sementi e aspetti fitosanitari
Position papers di ESA

Banca dati SIAN
fitofarmaci e sostanze attive
(Ministero delle politiche agricole)

Banca dati dei prodotti fitosanitari
(Ministero della Salute)

ANIF
Associazione Nazionale Ispettori Fitosanitari

OEPP - European and Mediterranean Plant Protection Organization

DG SANCO Salute e tutela dei consumatori nella UE.

Database UE
pesticidi e sostanze attive

Gazzetta Ufficiale Italiana

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

ISF
International Seed Federation

Ultimi articoli pubblicati