statistiche

Raccolti 2012, stime per cereali ed oleaginose

Pubblicato il 10 maggio 2012 in: sezione cerealisezione colture industrialiproduzioni e commercio derrate

Coceral e Copa-cogeca anticipano i dati sulle produzioni 2012

Sia il COCERAL  (l’organismo che rappresenta a Bruxelles trader e operatori economici del settore delle granaglie), che COPA-COGECA (l’organizzazione europea delle associazioni e cooperative agricole) hanno di recente diffuso le loro stime produttive per il 2012.

Per il COCERAL, relativamente a cereali a paglia, mais e sorgo stimato al mese di marzo un lieve incremento delle superfici, mentre una contrazione più forte delle rese. L’andamento climatico invernale particolarmente negativo, con siccità e gelate, potrebbe tuttavia rendere più pesante il previsto calo di produzione, soprattutto nelle regioni del centro est Europa. Riguardo invece i semi di oleaginose (soia, girasole e colza), è stimato un ridimensionamento della superficie seminata nella UE-27 la quale passerebbe da 11,1 a 10,8 milioni di ettari causa soprattutto il calo del colza.

Per quanto concerne COPA-COGECA, le superfici dei frumenti sono stimate in calo mediamente dello 0,3%, mentre per il mais è previsto un incremento del 2,9%. La resa media complessiva è prevista uguale alla campagna precedente, ma in calo dello 0,3% in valori assoluti. Anche l’organizzazione degli agricoltori mette in guardia dal rischio di sorprese per la grave siccità nell’Europa meridionale.

Articoli correlati

Link utili

Specie di Cereali
Position papers di ESA

Mais
Position papers di ESA

Specie di oleaginose
Position papers di ESA

ISTAT - dati annuali coltivazioni nazionali, regionali e provinciali - dal 2006

Gazzetta Ufficiale Italiana

Coltivazioni in Europa
Le stime Coceral e del COPA-COGECA

Ultimi articoli pubblicati

comunicato stampa

L’Unione europea blocca le nuove tecniche di innovazione vegetale. Un duro colpo per l’agricoltura con inevitabili gravi conseguenze

Pubblicato il 26 luglio 2018 in: biotecnologiericerca e costituzione varietà  vegetaliproduzione e commercio sementi

La sentenza della Corte di Giustizia europea nega a ricercatori e agricoltori l’accesso alle New Breeding Techniques e non tiene conto del parere dell’Avvocatura generale. Il Presidente Giuseppe Carli: così si abbatte la competitività dell’agricoltura italiana ed europea